Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
3 luglio 2017 1 03 /07 /luglio /2017 16:48

 

Umberto de Giovannangeli oggi ha pubblicato su Huffingtonpost.it un articolo sulle proteste delle ONG.

 

[...] Le ONG partono per cercare di salvare chi, nel Mediterraneo, rischia di morire ogni giorno, mentre i loro governi stanno a guardare.

[...] L'ultimo rapporto della Guardia costiera, relativo al mese di aprile, conferma che circa il 40% dei soccorsi in mare viene effettuato proprio dalle navi ONG: su 12.590 migranti salvati, 5.015 sono stati tratti in salvo dalle Organizzazioni non governative e ben 3.523 da navi commerciali (pescherecci, mercantili), che sommati fanno circa il 68% dei soccorsi effettuati nel Mediterraneo.

 

Alla base c'è un ragionamento semplice e apparentemente indiscutibile, se non li salviamo finiscono cadaveri. Pensiero che Giovannangeli riassume così:

Sembra quasi che si voglia impedire alle organizzazioni di fare la cosa più giusta e naturale, il terreno più neutro: salvare chi rischia la morte, così da usare i morti come deterrente. Si ignora però che chi scappa dalla guerra e dalla miseria non si ferma nemmeno coi carri armati, non ha nulla da perdere. Siamo davanti a un problema epocale, strutturale storico, possiamo farlo diventare un'opportunità, altrimenti sarà una catastrofe".

 

Pertanto ecco perché l'alzata di  scudi di cui l'articolista informa:  

È la rivolta contro la "securizzazione" dell'emergenza migranti della quale l'Italia, con l'attivissimo e grintoso ministro dell'Interno, Marco Minniti, è capofila.

E accusano:

Parigi, Roma e Berlino di aver lavorato a un patto per regolamentare l'attività delle Ong nel Mediterraneo

 

Sembra, però, che le ONG non si rendano conto del vero problema. "A' la guerre comme à la guerre"  dice il proverbio, un proverbio  con cui si vuole genericamente significare che ogni situazione va accettata per ciò che essa è, e che bisogna contentarsi delle risorse che sono offerte dalle circostanze. Tradotto significa che non basta trasportare e poi lavasene le mani anzi additare come colpevoli chi viene prima e chi viene dopo. Il prima sarebbe disastroso (la Libia), e il dopo deve esserci, non può non esserci, e deve essere aperto, libero non vincolato (dicono loro).

 

Ritorna pertanto il dubbio se siano ragionamenti umanitari o sofismi che nascondono altri interessi.  Se, come nel salvataggio in mare, sia il caso del bagnino inesperto che affoga e fa affogare nell'eroico tentativo di salvare il naufrago.

 

Sarà poi vero l'assioma che non "si fermano neanche con i carri armati"? Le guerre si sono fatte per molto meno, e si facevano dei morti per salvare un lembo di terra, un confine. Non siamo a questi livelli ma neanche al servizio taxi con premio.

Condividi post

Repost 0
Published by azzena
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di Piero Azzena
  • Blog di Piero Azzena
  • : Questo blog è solo la mia voce, resa libera dall'età. Questo blog è un memo, seppur disinvolto nei tempi e nei modi, dove chioso su argomenti la cui unica caratteristica è l'aver attirato la mia attenzione. Temi esposti man mano che si presentano, senza cura di organicità o apprensione per possibili contraddizioni. Temi portati a nudo, liberi da incrostazioni , franchi e leali.
  • Contatti