Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
27 dicembre 2019 5 27 /12 /dicembre /2019 11:13

Nel discorso natalizio alla Curia Romana del 21 dicembre 2019, papa Francesco invita a camminare, a essere nuovi pur nel rispetto delle tradizioni. E dedica un intero capitolo di questo tema al “Dicastero per la Comunicazione”, dove parla di “novità metodologiche” per una pastorale adatta alla società in cui siamo immersi.

 

La sottile venatura polemica che si coglie nelle parole del Papa, ha la sua ragion d’essere nel contrasto

  • tra la sua convinzione, che se non ci si addentra nei meandri sempre nuovi dei media, se non ci si impossessa dei nuovi linguaggi, il Vangelo è semplicemente out, illegibile, teatro, cerimonie come presepi,
  • e una pigra o poco leale riposta dei suoi collaboratori nonostante il suo sforzo di riunire in un unico dicastero stampa, radio, tv e web.

 

Lui intende aggiornare il modo di raggiungere l’uomo di oggi, ma l’ha capito la Curia?

Ecco le parole del Papa:

 

[…] Alcune considerazioni vorrei riservarle pure al Dicastero per la Comunicazione di recente istituzione. Siamo nella prospettiva del cambiamento di epoca, in quanto “larghe fasce” dell’umanità vi sono immerse in maniera ordinaria e continua.

Non si tratta più soltanto di “usare” strumenti di comunicazione, ma di vivere in una cultura ampiamente digitalizzata che ha impatti profondissimi sulla nozione di tempo e di spazio, sulla percezione di sé, degli altri e del mondo, sul modo di comunicare, di apprendere, di informarsi, di entrare in relazione con gli altri. Un approccio alla realtà che tende a privilegiare l’immagine rispetto all’ascolto e alla lettura influenza il modo di imparare e lo sviluppo del senso critico»  

 

[…] La nuova cultura, marcata da fattori di convergenza e multimedialità, ha bisogno di una risposta adeguata da parte della Sede Apostolica nell’ambito della comunicazione.

Oggi, rispetto ai servizi diversificati, prevale la forma multimediale, e questo segna anche il modo di concepirli, di pensarli e di attuarli. Tutto ciò implica, insieme al cambiamento culturale, una conversione istituzionale e personale per passare da un lavoro a compartimenti stagni – che nei casi migliori aveva qualche coordinamento – a un lavoro intrinsecamente connesso, in sinergia.

 

 

 

 

Condividi post

Repost0

commenti

Présentation

  • : Blog di Piero Azzena
  • : Questo blog è solo la mia voce, resa libera dall'età. Questo blog è un memo, seppur disinvolto nei tempi e nei modi, dove chioso su argomenti la cui unica caratteristica è l'aver attirato la mia attenzione. Temi esposti man mano che si presentano, senza cura di organicità o apprensione per possibili contraddizioni. Temi portati a nudo, liberi da incrostazioni , franchi e leali.
  • Contatti