Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
8 dicembre 2020 2 08 /12 /dicembre /2020 17:49

Oggi la Chiesa cattolica ha riconosciuto e rammenta lo stato di assenza di peccato in Maria, La chiama Immacolata, e quindi festeggiando Lei festeggiamo la prima possibilità offerta alla nostra umanità di condurre un’esistenza senza macchie di peccato, una vita idonea al Divino contatto, la “veste bianca” donata agli invitati raccolti nei crocicchi di cui parlano i Vangeli.

 

Un battesimo ante-litteram che Maria, in quanto madre di Gesù, per prima ebbe in dono. Una specie di biglietto di ingresso verso una vita "beata". Uno stato che ognuno di noi partecipando della sua stessa umanità potrebbe ricevere grazie a Gesù.

 

Un bel dono pagato con sangue altrui ma anche col proprio sudore. Anche se nata senza quella maledetta tendenza all’autonomia, all’egoismo della paura, all’indipendenza, molto se l’è dovuto guadagnare strada facendo.

 

Infatti non tutto Le è stato donato, non ha avuto una vita tranquilla, tutt’altro.

  • Fa un viaggio e torna gravida, immaginate i complessi di questa ragazzina oltretutto fidanzata. Rischiava la lapidazione e qualche ora di sonno penso l’abbia persa.
  • Partorisce in mezzo alla campagna, dopo un lungo camminare a piedi. Il che significa comodità zero.
  • Diventa fuggiasca per salvare il proprio bambino, dicono sia arrivata fin in Egitto.
  • Il bambino le scappa, e dimostra un caratterino un po’ strafottente, ma loro si spaventano quanto basta.
  • Sicuramente seppellisce il marito, infatti alle nozze di Cana di Galilea la troviamo con solo il figlio.
  • Quando il figlio diventa famoso, manco la vuol ricevere.
  • E infine glielo poggiano sul grembo ai piedi della croce.
  • Nella scena della tomba vuota non appare.
  • E in seguito parrebbe che invece di essere consolata debba consolare, presente ma non parla. Luca negli Atti la nomina ma la relega tra le donne presenti.

 

Solo nel V secolo si parla della sua assunzione.  Fu conseguenza diretta della presa di coscienza della centralità della figura di Cristo da parte dei teologi dell'epoca.

Un omaggio alla divinità di Cristo? E' questa la fede consegnataci dai Padri, chiamata tradizione. Una fede divenuta popolare e confermata e tenuta viva nei secoli da 276 apparizioni.

 

Condividi post

Repost0

commenti

Présentation

  • : Blog di Piero Azzena
  • : Questo blog è solo la mia voce, resa libera dall'età. Questo blog è un memo, seppur disinvolto nei tempi e nei modi, dove chioso su argomenti la cui unica caratteristica è l'aver attirato la mia attenzione. Temi esposti man mano che si presentano, senza cura di organicità o apprensione per possibili contraddizioni. Temi portati a nudo, liberi da incrostazioni , franchi e leali.
  • Contatti