Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
31 gennaio 2014 5 31 /01 /gennaio /2014 07:23

Registro e riporto l'opinione di Luca Sofri su quanto è successo ieri in Parlamento, un'opinione che condivido.

A cui aggiungo solo una considerazione: gli italiani sono 60 milioni e, quindi, non vedo a che titolo 80 mila iscriti ad un blog (che pure non sono pochi,, ma molto segreti, quasi massonici) si attribuiscano la capacità/diritto di interpretare il pensiero degli altri 59 milioni e 920 mila  italiani. Ma anche se vogliamo andar per voti e considerare gli 8,7 milioni di voti M5S del 2013, restano fuori 38 milioni (dai 47 milioni di aventi diritto) che non hanno votato M5S.

Perché questo non viene considerato? Il perdente è sempre schiavo? non mi pare sia democrazia.

Questa è una pecca di tutti i partiti e M5S mi pare che vi si sia adeguato molto, molto bene.


 Ma ascoltiamo le parole di Sofri:

Dare un giudizio su cosa è successo ieri alla Camera è impossibile, perché sono successe molte cose, molto controverse, e perché alcune di queste restano opinabili. Sono quindi sventate o prevedibilmente partigiane tutti quelle certezze e opinioni definitive e assolute che circolano, e lasciamole perdere. Però, distinguendo e isolando, alcune cose si possono dire, con i dubbi del caso. Le mie sono queste, con i dubbi del caso.

 

Tutto quello che è avvenuto fino alla votazione compresa è stato nella totale legittimità, dall’ostruzionismo alla “tagliola”.

 Quindi non discutiamo di attentati alla democrazia, “vergogne” e simili sciocchezze. Discutiamo di cosa fosse più corretto e saggio fare, sapendo che tra le scelte legittime ci sono dei margini di duttilità e opinabilità.

 

Io credo che adottare la “tagliola” sia stata una scelta poco saggia e politicamente poco intelligente.

 

Conosco tutte le ragioni di chi ha approvato quella decisione, e le trovo fondate: così come mi è però chiaro che non era mai stato fatto, e questo vale qualcosa. E credo che se un decreto non trova il tempo di essere convertito, scade: ci sta (ci sta anche la tagliola, certo: ma la straordinarietà è maggiore). E il Presidente della Camera non è tutore o protettore delle iniziative del governo (il suo partito è all’opposizione, tra l’altro).

 

Però ripeto: sono tutti argomenti discutibili, e su cui non credo ci sia bianco o nero. Mentre soprattutto penso che di fronte all’ostruzionismo del M5S – che mirava a ottenere esattamente quello che ha ottenuto – si debba consegnare al M5S la responsabilità delle sue scelte e delle sue azioni.

 

Il M5S, da un anno a questa parte, sta lavorando per provocare casini, mettere in difficoltà il lavoro altrui (altrui collabora spesso con grande autonomia ed efficacia) e dipingersi come vittima, senza prendersi mai una responsabilità o portare a casa un risultato concreto dal punto di vista parlamentare. Quindi penso che ieri bisognasse arrendersi alla “vittoria” del M5S tramite il legittimo e consueto strumento dell’ostruzionismo, andare a vedere il suo bluff, e lasciare che si prendesse la responsabilità di dire agli italiani cosa aveva ottenuto: il ripristino dell’IMU, giusto o sbagliato che lo riteniamo.

 

E penso che quando degli esagitati si scaraventano verso i banchi della presidenza, ci saltano sopra, urlano e fanno casino, bisogna gandhianamente lasciarli fare e consegnare al paese quell’immagine, non quella di un energumeno che li stende per “difendere la presidenza”.

 

E quando gli esagitati in un’escalation di sovreccitazione decidono di occupare le commissioni e impedire il lavoro dei parlamentari, penso che si debba arrendersi e sospendere i lavori delle commissioni, e mostrare che se il parlamento non lavora è per i bullismi prepotenti del M5S.

 

La strategia repressiva col M5S non solo non funziona, ma premia e diseduca, essendo l’obiettivo il vittimismo e la denuncia di soprusi e prepotenze. Domani lo rifaranno.

 

Tra l’altro se invece in parlamento si comincia a sentirsi come allo stadio, o come se si fosse i partigiani sulle montagne (in un’alienata sopravvalutazione di sé: da qui fuori sembrano tutti matti, e non se ne accorgono), poi si deve essere conseguenti: la prossima volta cosa si fa, per ristabilire l’ordine e il funzionamento delle istituzioni, si spara in aria? E poi non in aria?

E qui vengo al “questore” Dambruoso.

 

Che si è inventato un sacco di balle nella sua autodifesa, a partire dalla sua misteriosa ipotesi di un attacco “alla presidenza” (il presidente se n’era già andata, tra l’altro), e di cui si è detto che deve “fare rispettare l’ordine”.

Vuol dire a ogni costo? Alzando le mani? Col risultato plausibile di fare male a qualcuno, e quello reale di consegnare una vittoria politica e comunicativa agli invasati? E se Lupo gli fosse sfuggita che faceva? E per proteggere cosa? Cosa sarebbe potuto succedere, che l’onorevole Lupo picchiava qualcuno lei? E anche fosse stato, è stato meglio così? (tra l’altro, guardate il video, pochi secondi dopo trascina un altro squilibrato giù dallo stesso banco)

 

La reazione di Dambruoso è del tutto inaccettabile, oltre che stupida: figlia evidente di un’esasperazione seminata in un anno alla Camera dai comportamenti immaturi e aggressivi del M5S, ma se non sai controllare la tua esasperazione, smetti di fare il deputato e vai a fare vigilanza nelle discoteche, figuriamoci il questore della Camera.

 

Degli invasati del M5S non so che dire.

 

Non solo stanno concludendo in modo inconcludente un anno di presenza al parlamento, ma hanno enormemente abbassato il livello di dignità e responsabilità delle aule parlamentari, già piuttosto squalificato.

 

I loro quotidiani interventi parlamentari sono inadeguati, infantili e imbarazzanti.

 

La “convivenza civile”,  espressione trombona e svalutata dalla retorica, è una cosa vera, reale, importante: e il M5S – con atteggiamenti che hanno impressionanti affinità storiche con quelli del fascismo mussoliniano, nessuno si senta offeso: è un dato storico – sta devastando la “convivenza civile” costruendo nemici da andare a cercare casa per casa, fino al pianerottolo accanto.

 

La parte che mi impressiona di più del video di quello che è successo ieri è quella iniziale, in cui la mandria di incapaci di controllarsi si scaraventa di corsa giù per le gradinate urlando e in cerca di rogne. Il branco.

 

 

In giro c’è una grande inclinazione autoassolutoria a cercare sempre qualcuno di peggio, “mamma, ha cominciato lui”, eccetera. A forza di trovare qualcuno che ha fatto una cretinata prima della nostra, siamo tutti assolti ogni giorno dalle nostre cretinate. Se ciascuno si prendesse la responsabilità di ciò che fa, senza scuse e in modo adulto, giustificarsi sarebbe più difficile e forse sarebbe più facile comportarsi meglio.

 

A me, ieri sono piaciuti solo quelli che sono stati alla larga da urla, corse, salti sui banchi, e mani addosso, in parlamento.

 

Articolo pubblicato il 30 gennaio 2014  su http://www.wittgenstein.it

 

Condividi post

Repost0

commenti

Présentation

  • : Blog di Piero Azzena
  • : Questo blog è solo la mia voce, resa libera dall'età. Questo blog è un memo, seppur disinvolto nei tempi e nei modi, dove chioso su argomenti la cui unica caratteristica è l'aver attirato la mia attenzione. Temi esposti man mano che si presentano, senza cura di organicità o apprensione per possibili contraddizioni. Temi portati a nudo, liberi da incrostazioni , franchi e leali.
  • Contatti