Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 marzo 2014 6 01 /03 /marzo /2014 17:04

 

... però di certo non è piacevole sapere che ci si può ancora sbagliare.

 

C'è tutta una legislazione per accertare la morte di una persona

 

In caso di morte in un'azienda ospedaliera, le attuali direttive prevedono che si effettui un elettrocardiogramma per 20 minuti consecutivi, nel quale non si deve registrare alcuna attività cardiaca.

 

Nel caso si sospetti la morte cerebrale, la la Direzione Medica ospedaliera

convoca un Collegio composto da

un medico legale o, in mancanza, da un medico della Direzione Sanitaria o da un anatomopatologo

un medico specialista in anestesia e rianimazione

un medico neurofisiopatologo o, in mancanza, da un neurologo o da un neurochirurgo esperto in elettroencefalografia.

È stabilito che il periodo di osservazione non può iniziare prima di 24 ore dall'insulto anossico.

La durata dell'osservazione, ai sensi del DM 11 aprile 2008 che aggiorna il precedente DM 582/1994, dev'essere non inferiore alle sei ore. Ministero della salute, portale della normativa sanitaria.

Il Collegio deve valutare la simultaneità delle condizioni cliniche e strumentali di morte per almeno due volte, all'inizio e alla fine di tali periodi di osservazione. Solo la verifica di assenza del flusso ematico può non essere ripetuta.

Il Regolamento di Polizia Mortuaria DPR n° 285/90 del 10 settembre 1990 prevede che venga rispettato il periodo di osservazione fino alla comparsa di fenomeni tanatologici certi.

 

Questo al fine di scongiurare il pericolo di inumare persone in stato di morte apparente.

Ovviamente in caso di devastazione fisica (decapitazione, maciullazione, ecc.) la stessa è considerata segno certo di morte.

Nel caso di deceduti per malattia infettiva, l'ASL adotterà le misure cautelative necessarie.

 

 

Eppure, in un ospedale della tecnologica America ecco cosa è accaduto qualche giorno fa

 

Una storia che rimane macabra nonostante il lieto fine: un uomo di 78 anni di Lexington, nello stato americano del Mississipi, si è risvegliato nella camera mortuaria due ore dopo essere stato dichiarato ufficialmente morto.

 

Walter "Snowball" Williams era stato chiuso nel sacco nero che di solito contiene i cadaveri, prima che qualcuno dell'ospedale notasse dei movimenti delle gambe e avvisasse la famiglia.

 

L'incredibile notizia proviene dal Mississipi: all'origine del risveglio del 78enne c'è forse un guasto al pacemaker, che poi avrebbe ripreso a funzionare

 

Il personale medico dell'ospedale non è riuscito a fornire una spiegazione certa dell'accaduto, ma ha ipotizzato che il pacemaker che Williams portava abbia smesso di funzionare per qualche tempo per poi riprendersi improvvisamente.

 

Sabato  01/03/2014

 

 

Condividi post

Repost0

commenti

Présentation

  • : Blog di Piero Azzena
  • : Questo blog è solo la mia voce, resa libera dall'età. Questo blog è un memo, seppur disinvolto nei tempi e nei modi, dove chioso su argomenti la cui unica caratteristica è l'aver attirato la mia attenzione. Temi esposti man mano che si presentano, senza cura di organicità o apprensione per possibili contraddizioni. Temi portati a nudo, liberi da incrostazioni , franchi e leali.
  • Contatti