Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
2 maggio 2012 3 02 /05 /maggio /2012 14:25

Nell’antichità cristiana i fedeli si designavano con l’appellativo di “santi”, fratelli, discepoli. Erano coloro che incontrato il Cristo, ricevuto l’annuncio del Vangelo, ne facevano il codice della loro vita, amando e servendo Dio: l’ascolto della Parola e l’annuncio formava il popolo di Dio.

 

Il più antico documento letterario della religione cristiana che possa essere datato, immediatamente posteriore al tempo degli apostoli, è la lettera di Clemente Romano ai Corinzi scritta nell’ultima decade del primo secolo.  Ed è questo il primo testo in cui compare la parola laico. 

 

Clemente indica che la comunità cristiana deve essere ordinata (distingue facendo riferimento al giudaismo: sommo sacerdote, sacerdoti, leviti, laici). I laici  all’interno della compagine ecclesiale sono coloro che, quindi, appartengono al popolo:  i battezzati che non rivestono alcuna funzione nella gerarchia ecclesiastica.

 

Etimologicamente San Girolamo attribuisce il termine laici alla radice greca λαός (popolo). Nella realtà tra i laici si trovano diversi carismi spirituali che corrispondono a vocazioni particolari. Le donne vi partecipano come gli uomini. I primi teologi furono laici, si ricordino Giustino o Tertulliano.  Varia è anche la partecipazione alla vita della Chiesa, alcuni vi partecipano pienamente, altri in parte (catecumeni e penitenti): ci sono vergini e asceti che cercano di realizzare la perfezione evangelica, sposi che cercano di realizzare l’ideale cristiano. In prima linea nella testimonianza della fede “i confessori” e i martiri.

 

E’ interessante osservare il mutamento avvenuto nel modo di pensare dei Cristiani ad appena trent’anni dalla morte di Paolo.

 

Quest’ultimo, Paolo, aveva scritto alla comunità dei Corinzi nell’intenzione di appianarne le controversie; Clemente, 4° vescovo di Roma, si rivolge alla medesima comunità perché essa rifiutava di riconoscere l’autorità del proprio vescovo.

 

Si constata che fin dai primi tempi del cristianesimo nella comunità cristiana si vanno delineando i tratti della sua composizione: una struttura gerarchica e un popolo laico. 

Autorità rivelata dall'alto o acquisita a latere dalle vittoriose centurie romane? 

 Però, nel IV secolo, quando le istituzioni fondamentali della Chiesa sono già costituite, la distinzione tra clero e laici è divenuta netta.       

Condividi post

Repost0

commenti

Présentation

  • : Blog di Piero Azzena
  • : Questo blog è solo la mia voce, resa libera dall'età. Questo blog è un memo, seppur disinvolto nei tempi e nei modi, dove chioso su argomenti la cui unica caratteristica è l'aver attirato la mia attenzione. Temi esposti man mano che si presentano, senza cura di organicità o apprensione per possibili contraddizioni. Temi portati a nudo, liberi da incrostazioni , franchi e leali.
  • Contatti