Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
9 gennaio 2011 7 09 /01 /gennaio /2011 16:03

Cara Gea

giorni fa son dovuto andare in ospedale per un prelievo e il parcheggio m'ha costretto ad un passaggio davanti all'obitorio.

 

Io non so scrivere poesie ma una riflessione su come si muore oggi l'ho fatta e te la partecipo:

 

Una volta.

Una volta si moriva in casa.

Volenti o nolenti erano tante le distrazioni:

il paese, i parenti, gli amici, i figli, la stessa consorte

che si manifestava addolorata per essere consolata 

e tu tu capivi, tu sorridevi, tu digrignavi,

ma eri libero di reagire come volevi

e, intanto,

ancora una volta non pensavi al dopo.

 

 

Oggi?

Oggi ti portano in ospedale,

ti spersonalizzano in un pigiama,

ti inchiodano a un materasso con una ago chiamato flebo,

ti tolgono la facoltà di decidere,

perché ora sono "loro" che decidono per te, in forza di un giuramento di vita

che "loro" hanno fatto.

 

Poi ti aggravi.

 

Allora ti portano in terapia intensiva.

Silenzio,

intorno a te solo macchinari che

ti spiano anche l'anima.

 

Quando si staccherà l'anima?

anche questo lo sanno "loro"

ma tu…

tu vieni intontito e non sai più se sei sveglio o dormi.

 

E poi? ...poi non lo saprai più.

 

 

Quindi solo apparentemente tutto si svolge in modo diverso perché, a ben considerare, la solfa  è sempre la stessa. La morte fa paura ed è meglio non pensarci.  

 

 

Condividi post

Repost0

commenti

Présentation

  • : Blog di Piero Azzena
  • : Questo blog è solo la mia voce, resa libera dall'età. Questo blog è un memo, seppur disinvolto nei tempi e nei modi, dove chioso su argomenti la cui unica caratteristica è l'aver attirato la mia attenzione. Temi esposti man mano che si presentano, senza cura di organicità o apprensione per possibili contraddizioni. Temi portati a nudo, liberi da incrostazioni , franchi e leali.
  • Contatti